Billy Budd, marinaio

Locandina di Billy Budd

Il concetto di liberazione è molto profondo.
Ma in giorni come questo, anche una bionda come me, che se dovessero fare un film sulla mia vita “ci vorrebbero molti tacchi e a spillo ed ossigeno decolorante” , ci riflette.
Liberazione è quando una cosa che mi affligge non c’è più.
Finisce.
Ma dato che certe cose non terminano facilmente, spesso ci si libera da una cosa, cambiando il punto di vista, il modo di vederla.
Il pensiero libera.


Pasqua 2017

Coniglietto Pasquale

Sono tranquilla, seduta a rimirar il mare nella cittadina di Varazze.
Mi passa di fronte
un padre che canta Occidentali ‘s Karma ai suoi due bambini,
una milanese che si lamenta con l’amica di quanto i liguri siano cafoni ed antipatici, seguita da un ligure che si lamenta con l’amico di quanto le milanesi siano cafone ed antipatiche.


La boutique

Velina per abiti

L’ultima volta che sono entrata in una boutique, ero con mia mamma a Milano.
Dovevo avere 11 -12 anni e lei era ancora la detentrice del mio look.
Mi faceva tenere i capelli corti e decideva quello che mi sarei messa.
In via Bocconi, dove abitavo, c’era il fruttivendolo, il macellaio, il panettiere e la boutique.
Non c’erano negozi di vestiti.
Non c’era Zara.
Né Promod.
Tanto meno HM.


Fiabe da strada

Walkman da fiaba.

Leggiamo le fiabe ai bambini perché si addormentino,
perché non pensino alle cose dei grandi
e perché sognino.
Per quegli stessi motivi anche a noi adulti, alcune volte, servono le fiabe.
E a me, in particolare, ora.