Dovrebbe essere primavera.
Ma sembra inverno.
Allora penso all’estate.

Non al blu, alle cicale e alla bouganville,
ma ai peperoni dell’orto
che mia mamma
cucinava in tavernetta
e al raggio di sole
che li condiva dall’oblò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *