La fermata

Mentre il 31 di notte
non arriva,
mi siedo su un muretto
di corso Italia.
Divento un pezzo di strada.
Gli uomini dalle macchine
mi fissano
e alzano le sopracciglia.
Calma,
sfido il loro sguardo.
Incrocio le gambe
e aspetto che uno si fermi,
per potergli gridare contro
tutto il mio amore sbagliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *