La democrazia in amore non esiste

finaleVenerdì finale di Amici 8. Sabato finale Champions League 2014-2015.Il patto nasce naturalmente: “Io guardo Amici con te stasera, tu guardi la Champions con me domani.” Mi sembra democratico, ma ci penso un po’ e vedo se ottengo una contrattazione migliore. Magari ci aggiungo il Luna Park domenica, che le giostre costano solo un euro. E’ furbo, non molla, al Luna della Foce ci andrò da sola.

Venerdì la finale inizia con la categoria danza. Inutile dire che dopo il terzo balletto divento insofferente, figuriamoci lui. Le coreografie in questa edizione sono particolarmente spettacolari e se posso permettermi, da profana, un po’ ridondanti. Trattano temi difficili: la fame nel mondo, la prigionia, l’AIDS, la guerra. L’entusiasmo è forte tra i giudici. Noi facciamo zapping, ma immagino che domani non potrò fare altrettanto. Lui lo conferma:”A me piace il calcio, la finale è sacra.” In realtà vuole solo vedere perdere la Juventus. Gli uomini diventando tifosi dimostrano il loro lato peggiore. Nel frattempo Virginia è la vincitrice della categoria ballo e inizia la sfida tra la danzatrice e i Kolors. Briga aspetta nella zona vincitori. “Ma che senso ha far gareggiare un ballerino ed un gruppo musicale?” Mi chiede. Temo che questo meccanismo sia costante nel programma. Anche io ne ignoro il significato. Improvviso: “Sicuramente serve a togliere quella che è la distinzione tra le discipline, come per creare un’opera d’arte totale”. Cerco di punzecchiare l’appossionato di Wagner che è in lui. In realtà vorrebbe che le Valchirie con la loro cavalcata calpestassero tutti i reality del mondo. Vince il cantante dei Kolors. Antonio da Caserta detto Stash. Lui ironizza anche su questo, per non parlare dei commenti che fa ai brani. Nella sfida Briga/Stash, per me dovrebbe vincere il rapper irriverente. Lui dice che va a dormire, finale finita per lui. Lunga attesa del vincitore per me. Non vince il mio preferito, il singolo dei Kolors è nettamente più forte.

Il giorno dopo tutto è pronto. Birre che neanche ci fosse una festa. In lui che non condivide mai niente, vedo una sorta di piacere nascosto nel vedere una partita con qualcuno. Mi ricorda quando mio padre ci teneva vedessi il Milan con lui, nella ricerca di un complice, il figlio maschio che non ha mai avuto. Io mi lamento, lui mi provoca, come solo i Genoani sanno fare e dice che la Juve è quasi come la mia tanto amata Italia. Non è vero, la Juve è la Juve e basta. Dopo i primi dieci minuti la partita è di una noia mostruosa e prendo in mano il libro della tesi uccidendo le sue aspettative. Resisto un po’ fino a quando, in modo irriverente, vado in un’altra stanza stanca dei suoi continui cori. Sentendomi in colpa torno nel secondo tempo al goal della Juve, immagino che ora sarà un po’ più divertente, infatti è così. La Juve torna sotto e lui è di nuovo felice. Basta poco nella vita. Io mi chiedo cosa mi dia quella felicità. La parte finale di cioccolato fondente del cornetto Algida. Guardare il mare al tramonto. Un giornale femminile nuovo di zecca da sfogliare. Cantare. Ho scoperto che l’amore non è democratico: ad ognuno la sua finale.

 

 


L’incontro del secolo

matchManca poco all’inizio del Match, abbiamo deciso di vederlo tutti insieme allievi e maestri, in palestra scorreranno fiumi di birra. A me gli alcolici non sono mai interessati a parità di calorie preferisco un piatto di ravioli. Come li fa la mia mamma. Mi metto quella maglia che mi ha sempre portato fortuna, lo aspetto da mesi questo incontro, la aspetto da sempre la vittoria di Manny Pacquiao, quella che lo renderà il più grande pugile del mondo. E’ spericolato ed incauto. Attacca, aggredisce anche se è piccolo di altezza, anche se il suo allungo è minore, ma le usa come delle fionde quelle braccia il filippino. Lui che si conquista sempre il centro del quadrato. Quanto è aggressivo sul ring, Pac Man è un benefattore nella vita: è l’eroe del suo popolo. I soldi che vince li usa per aiutare i poveri.. e file davanti a casa sua, tutti con ricette del medico e del supermercato. Lui che con le vittorie costruisce ospedali, che nel 2010 è stato eletto onorevole nel Parlamento Filippino. Durante i suoi match il tasso di criminalità scende perché anche i delinquenti sono davanti ai maxi schermi a vederlo picchiare e battersi anche un po’ per loro. Poi il pugilato è spettacolo. Mettilo al tappeto quel diavolo, mettilo al tappeto Manny, combatti come un guerriero e poi canta la tua canzone, quella che parla della tua gente, del fatto che lotti per loro.
Io di pugilato non ne so niente. Ma stasera devo vedere questo combattimento, se no poi di cosa parlo con quei fighi della palestra. Ho preso anche il caffè dopo le 17 per rimanere sveglia, che vuol dire contorno occhi aggravato, o volgarmente zampe di gallina, ma d’altronde la diretta da Las Vegas significa le 4.00 di notte italiane. Dato che se non tifo non mi diverto, per chi tenere? Be’ ho visto che tra gli ospiti c’è Paris Hilton, basta vedere con chi sta la mia bella ereditiera. Poi leggo due o tre cose sui due protagonisti. Da subito mi colpisce quello che si chiama Mayweather, forse per il significato del nome: il tempo di maggio, profumo di rose. E bellezza. Come le sue gambe potenti, come i suoi addominali scolpiti, come i suoi bicipiti che pulsano sangue e rabbia. Guardo due foto su Google e vedo il suo letto ricoperto di banconote da 100 e 500 dollari. Immediatamente ci sono io tra le banconote, completamente nuda. Tiferò lui. Lui che boxa per imitare suo padre, per sfogare la cattiveria agonistica e non. Il suo combattere è come un rap e infatti ne ha di amici cantanti: da Justin Bieber a 50 Cent con cui ha fondato anche una casa di produzione la Team Money Records. E di nuovo sono la stella della TMR, bella come Beyonce e eccentrica come Nicky Minaj, fatta di extension di ciglia e hot pants fosforescenti. Io che come lui amo il lusso sfrenato, io che come lui vorrei guidare un giorno una Lamborghini, un altro una Ferrari o ancora una Rolls. Io che non penso che i soldi siano la felicità, ma che la felicità non esista e che esistano solo i soldi. Le denunce domestiche da parte delle sue donne? Sicuramente se le sono cercate. Le donne sono terribili quando vogliono. Me lo immagino un Tyson, uno che combatte, che ti butta al tappeto, come ha buttato al tappeto me. Invece no. Si difende. Ma d’altronde la difesa è il miglior attacco. Non è ancora iniziata e gli occhi mi si chiudono, ma sono sicura Money vincerà.
Sono con te Floyd, sono con te.

 


Morning for Dummies

mattinaPer me la mattina è sempre stata

– l’esame dal sangue. O di musicoterapia. O di pianoforte complementare. Comunque un esame.

-tornanare a casa dal karaoke di Brignole e alla chiusura essere trascinata a bere un ultimo drink da qualche parte. Malgrado dicessi “Devo andare a casa” prima o poi venivo sopraffatta da una livida alba.

-andare in palestra con calma dopo la colazione. C’erano solo le vecchiette e insieme facevamo ginnastica dolce mentre mi raccontavano delle nipoti.

Quelle mattine erano abitate da operatori ecologici che mi guardavano in modo strano perché a piedi nudi, pensando non ci fosse nessuno sotto al portico di via Venti, portavo i tacchi in mano.

Ora tutto è cambiato.

Ma io, dopo un mese di tentativi,  l’ho presa la mattina. Quindi mi sento di dare delle istruzioni per l’uso per chi come me dovesse cambiare abitudini da un momento all’altro.

1) Andare dal farmacista non serve a niente. Per quanto amico o vicino di casa, malgrado voi facciate una scenata che meriterebbe un Oscar, dicendo con occhiaie pronunciate:”Mi dia qualcosa per questo jet lag costante”. Lui non vi darà niente, anche con una certa soddisfazione, dato che è una vita che si deve svegliare presto. Al massimo potrete spendere una quindicina d’euro per un po’ di melatonina. Ve la sconsiglio: dormirete uguale, ma al risveglio sarete ancora più addormentati.

2) L’unico modo reale per essere meno stanchi è andare a dormire prima. Molto prima, nel mio caso specifico. Se uno pensa a quanto è prima, non si addormenterà mai. Quindi, con un opera che neanche nei metodi teatrali migliori, bisogna convincersi che sia più tardi.

3) Buio e luce sono i due migliori amici del cambio abitudine. Fare buio il più presto possibile per addormentarsi e molta luce per svegliarsi.

4) Utilizzare occhiali da sole. Per una vampira come me neutralizzano la luce odiosa delle 7.00 e restituiscono sempre quel non so che di cool.

5) Se si utilizza un autobus tendere a sedersi nei posti singoli. La mattina è abitata da pazzi pericolosi, molto più della notte.

6) Se ce la fate a sentire musica prima delle otto, fate una compilation di massima energia. La playlist dipende da voi: musica elettronica, heavy metal, rock puro, Masini….

7) Se riuscite, durante il giorno, recuperate con un sonnellino. Vi giuro tornerà tutto più bello.

8)Questo pensavo di non dirlo mai nella vita: fate colazione.

Con questa affermazione chiedo scusa a tutti i medici, nutrizionisti, dietologi, venditori di Kinder brioss che ho sbeffeggiato nella mia esistenza, senza dimenticare i proprietari di Bed and Breakfast coi quali patteggiavo prezzi diversi dato che mi bastava un caffè.

Per me, ora sarà difficile ricominciare a dormire la mattina. Ma si sa, nella vita quando sai le risposte ti cambiano le domande.

Per fortuna, malgrado i preziosi consigli, non si cambiano i propri ritmi: se non siete mattinieri, non lo sarete mai. Anzi, forse vi riconoscete come me nei versi di “Mettimi giù“di Sergio Caputo.

“…chiudi un po’ la finestra

che la luce di nuovo giorno

mi fa sempre paura.”

 

 


Un cestino Deluxe

Logo-Deluxe-500x250Oggi è il lunedì dell’Angelo ed io, che come sempre santifico le feste in via Venti, con un balzo salgo sulla poltrona per recuperare sopra l’armadio quel cestino di vimini con posate d’argento e bicchieri di cristallo. La pubblicità dice che non serve molto per concedersi un lusso. E’ vero, ma solo se entri nella corsia giusta. Diciamo che la Lidl non è un supermercato particolarmente elegante all’interno, cemento e frighi di prodotti tedeschi ed economici. Il che contrasta anche con la zona in cui è situato, Albaro, il cuore dell’élite genovese. Ma se imbocchi la corsia giusta capisci perché questa è un’ideale continuazione di Corso Italia…la riconosci, non puoi sbagliarti, è Deluxe.
Selezione di caffè brasiliani in chicchi che aspettano di essere macinati per sprigionare profumi tali da riempire un appartamento, confetti al mango ricoperti di cioccolato fondente, salse piccanti ed afrodisiache protagoniste delle cucine più esigenti, noci, nocciole e mandorle in eleganti cestini, sali che provengono chissà da quali mari purissimi e selezioni di pepi colorati come sorbetti di primavera. Questo è deluxe. Senti quasi una musica in sottofondo. Per me Paolo Conte canta: “Tropical, tropical, tropical..”
Adagio delicatamente nel cestino il menu che ho preparato esclusivamente con questi prodotti selezionati dal Gambero rosso: il salmone in crosta, le barchette in salsa rosa e gamberi e infine la bisfrolla in fiore con la confettura di mirtillo nero e di mora rossa.
Già il tutto pesa abbastanza, ma aggiungo l’immancabile mini prosecco da due flute, unico prodotto non acquistato alla Lidl dove c’era un buon Pinot Chardonnay, ma solo in formato grande che col sole può dare alla testa.
Nelle tasche le chiavi, il rossetto e il portafoglio. Con il mio vestito blu elettrico a fiori arancioni percorro una via Venti desolata: un gruppo di filippini mi saluta, i bar sono chiusi e la luce è troppo forte perché ieri ho rotto gli occhiali da sole.
Alle 13 parte il treno che mi porterà a gustare la mia colazione proprio di fronte al mare.
Mi devo sbrigare, correre col cestino pieno deve essere peggio che con i tacchi.

 

 


La macchina della felicità

steve-mcqueen-jaguar-d-typeUn maestro un giorno ha condiviso con me la sua dottrina sulla felicità. Secondo il saggio chitarrista ognuno di noi sta attendendo un mezzo di locomozione. Non un uomo, una donna, un amore, la carriera, una famiglia, un cane, la casa al mare… Staremmo invece aspettando la macchina, il motorino, la moto, l’ape o perché no il filobus, come diceva il grande Freak Antoni. Malgrado io guidi raramente, è molto divertente applicare questo sistema. Fino a quando non si guida, incontra, compra, sale, costruisce, visualizza quella/o giusta/o non si può essere felici. Permettetemi la battuta, pur se un po’ utilitaria, come teoria potrebbe anche funzionare. Facciamo qualche esempio eccellente.
Forse Marilyn fu così infelice perché certa di essere destinata ad una Ford Thunderbird dello stesso azzurro metallizzato di un odierno e carissimo frigorifero Smeg. Se invece avesse potuto cavalcare libera su un purosangue selvatico questo l’avrebbe di certo riconosciuta, apprezzata e resa felice.
Sarà un po’ banale, ma è difficile dimenticare Audrey Hepburn seduta su un lato di una Vespa e vestita di bianco ed eleganza in Vacanze Romane. In effetti quella è per me l’immagine della gioia e della leggerezza.
Attenzione: come per i cani che scegliamo, non è detto che i mezzi di trasporto in questione ci somiglino per forza. Devono però “fare” per noi.
Mina, per esempio, me la vedo d’estate, seduta dietro un piccolo truck americano col vento che le scompiglia i capelli e il profumo degli olivi  che l’attraversa.
De Andrè è invece in mezzo al mare su una piccola barca che pesca e suona la chitarra, magari all’alba con una bottiglia di Vermentino accanto.
Personaggi un po’ meno noti, ma a me cari.
Bobby Soul in una metà mattinata invernale guida la Citroen DS del suo chitarrista a cui hanno tolto la patente. La macchina continua a fermarsi, deve essere il freddo pensa,  cercando di raggiungere un teatro in qualche parte dimenticata della Liguria. I sedili di velluto rosso sono macchiati e qualche tumbler giace abbandonato con il cocktail della sera prima.
Il mezzo di Sirianni è una roulotte di qualche circo accomodata su un prato a mezzogiorno. Lì fuori, mentre prepara le musiche per lo spettacolo, beve birra semi fresca facendo ubriacare il tiratore di coltelli.
Manfredi è su un autobus che percorre pezzi di Sudamerica e scrive e suda e piove dai finestrini nelle continue pause per far passare gli animali.
Il maestro diceva che sono insoddisfatta perché non ho ancora trovato la mia Jaguard. Un po’ ammaccata, sale e pepe, ma elegante e che mi sta aspettando da qualche parte.
Ma dove la trovo una Jaguard al giorno d’oggi?

 


Desideri di un compleanno

hqdefaultE’ poco romantico chiedere cosa si vuole per il compleanno. Oltre che poco educato.
Ma io ho sempre fatto delle liste, perché mi piacciono e ci sono anche nelle canzoni.
Poi non capisco le sorprese, come non capisco le ragazze che si vestono in modo semplice e fanno impazzire gli uomini. Quelle che sono belle acqua a sapone. Le invidio oltre a non capirle, io che stanotte alle 3 avevo l’allergia alle Extension delle ciglia, la tiroide che mi faceva male per i troppi trattamenti anti-cellulite e provavo ancora dolore per i tacchi che ho messo giovedì (che chi li ha visti ne valeva comunque la pena)
Come non capisco chi fuma qualche sigaretta quando gli va e non prende il vizio.
Come non capisco gli uomini a cui non piace il calcio, che se fossi maschio sarei un Hooligan.
E dunque faccio per tutti voi che oggi (solo oggi?) mi dovrete sopportare un po’ autoreferenziale, la lista. Ecco quello che vorrei mi regalaste.
Naturalmente i miei desideri non si possono comprare, ma proprio per quello sono certa che voi sarete in grado di realizzarli.
Vorrei, almeno per una volta, vedere ancora davanti alla mia finestra la tapparella mezzo abbassata di Maini.*
Vorrei gli auguri di Federico Sirianni. Autentici, con la r moscia.
Vorrei diventare estetista e farmi unghie e ciglia da sola.
Vorrei una maglietta del karaoke di Brignole Corner Bar autografata da Davide Icardi e da tutti i suoi cantanti.
Vorrei svegliarmi ogni mattina con le canzoni di Max Manfredi.
Vorrei vivere ai Piani senza sentirmi una vedova.
Vorrei accompagnare al concerto di Ariana Grande le mie allieve sotto ai 15 anni.
Vorrei fare un aperitivo a settimana al bar cinese della stazione a base di prosecco e noccioline e al massimo due patatine come si faceva una volta.
Vorrei essere una dei figli dei Pooh.
Vorrei saper suonare Comptine d’un autre été: l’après midi di Jann Tiersen al pianoforte.
Vorrei non piangere più il giorno del mio compleanno. Ma so che questo è irrealizzabile
Dicono che basti saper quel che si vuole per ottenerlo. Io la lista dei regali ce l’ho, ora tocca a voi aiutarmi a realizzarla e se non potete, fate la vostra come in quel gioco che girava su Facebook qualche tempo fa. Vi nomino tutti a desiderare.

 


Vuoi dimagrire? Innamorati del personal trainer

Beyonce-wotsnSe si ha fame si dovrebbe mangiare il pane, se si vuole dimagrire vivere d’amore e digiunare. L’ho sempre pensata così io, che da una vita combatto con un fisico morbido e mediterraneo. Posso tirarmela di essere fatta come la splendida Beyonce: a pera, tendo a mettere peso dalla vita in giù. Una tragedia, tanto che le ho provate tutte. Per un po’ ho intrapreso la proteica dieta delle uova che mi ha portato il colesterolo ad un picco che non supererò neanche ad ottant’anni, un’ altra volta la romantica dieta della luna, per cui ad ogni cambio della musa notturna mi privavo di tutti i cibi solidi e digiunavo. La conseguenza? Mi mettevo a fissarla dal Ponte Monumentale attendendo di trasformarmi in lupo Mannaro per andare a sbranare il primo poveretto che passasse per via XX Settembre. Gruppo sanguigno, Biscotto, Dissociata, Scarsdale, Weight Watchers, Paleolitica, Del super metabolismo, Hollywood, Zona.. Curiosa fu la Dukan per cui nel bel mezzo di un pomeriggio d’estate ebbi una visione, in termini psicologici detta Delirium: una commessa della Conad mi affettava fette di felino abbastanza spesse e le adagiava morbidamente nel pane con You Can Leave Your Hat On di Joe Cocker come colonna sonora. Niente di tutto ciò diede un risultato. Invece ora sento che ce la farò. Il cambiamento si chiama Luis ed è un istruttore di palestra. E’ καλὸς καὶ ἀγαθός , ovvero secondo la mitologia greca, bello e bravo. Penserete: “Banale, c’era arrivata già Madonna”. Forse, ma provare per credere. Se trovate l’istruttore giusto, nel mio caso è un pugile professionista dai colori latini, la motivazione per andare in palestra crescerà di giorno in giorno. Lotterete strenuamente fino all’ultimo minuto dell’allenamento. Io che sono la goffa per eccellenza, perché non si accorgesse che mi ero data la sbarra in testa, per tutta la lezione ho fatto finta di niente mantenendo un stoico sorriso. Tornata a casa meditavo il codice rosso al Galliera per trauma cranico. Infine se siete coraggiose, tanto da mettervi in prima fila durante la sua lezione, complici la musica alta e i battiti del cuore aumentati, vi sembrerà di ballare con lui. E se un ragazzo così atletico, in forma e affascinante non vi ha mai invitato in discoteca, sarà come se questo desiderio magicamente si realizzasse e alla fine del training vi verrà voglia di prendervi un Vodka Tonic soddisfatte. Mi sento già più magra solo a pensarci, ci vediamo in palestra.

 



Quant’è difficile il trash di Capodanno

igleEbbene sì, sono stata reclutata per la Notte di Capodanno a Madonna di Campiglio. Ogni volta che ci penso nella mia testa si scatena un immaginario di cappellini, labbra rifatte, lingue colorate, papillon e acido ialuronico… ci troviamo tra un cinepanettone dei Vanzina, un Fantozzi post moderno e un Terry Guilliam d’annata. Ma voi non sapete la difficoltà di scalettare una serata così. La prima parte è quella del Cenone quindi gli ospiti mangiano e ho deciso di cantare i brani che conosco, magari un po’ di jazz…sicuramente Mina, Battisti, Paoli.. ma mentre si avvicina la mezza devo cominciare a discostarmi dal mio solito repertorio sadness, se no il rischio è che ci sia un picco di suicidi a Capodanno proprio in Trentino. Quindi mi sono mossa così:
Stella Sei di Tozzi (remix) sarà il pezzo che accompagnerà verso la mezzanotte. Ve ne propongo due strofe perché secondo me neanche Dino Campana nei Canti Orfici…
Stai stella stai su di me, questa notte come se 
fosse lei, fosse Dio, fosse quello che ero io 
Polaroid stella stai dolce vento di foulard visto mai, visto mai 
che mi sospiri di più, che mi sospiri di blu. 

Stai stella stai come lei meno donna e un po’ gay 
chi lo sa tanto sei la mia stella stella stai 
corpo a forma di esse, dolce piede sul mio gas, quando 
vo, quando sto, 
per sospirarti di più per sospirarti di blu

Subito dopo il conto alla rovescia delle 12 il classico Disco samba, quello con Brasil e Meu Amigo Charlie per capirci, proporrò quel figaccione di Enrique Iglesias e la sua Bailando che mi hanno reso la vita impossibile negli ultimi due giorni:
Nelle prime ore del nuovo anno arriva secondo me il climax della serata, il momento più trash dell’anno. Io compongo la mia playlist non con i classici YMCA che mi incastro sempre con la pronuncia, I will survive che ormai è un po’ sorpassata o Maracaibo che Rhum e cocaina sembra una roba da nostalgici degli anni ottanta. Ma:
Cicale di Heter Parisi che era la sigla dell’edizione di Fantastico 81/82 e che vi consiglio di vedere nel video originale in tutta la sensualità del body anni ’80, dell’ accento americano e del naso non proprio alla francese. Vi propongo parti del testo ermetico del brano, alla ricerca di una soluzione insieme:
sole rosso fa l’arancia.. 
di lassu’ 
luna gialla fa il limone.. 
di quaggiu’ 
per cui la quale 
cicale cicale cicale 

cica cica’.. 
e questo e’ brutto e questo e’ bello.. 
chi lo sa’.. 
merlo del castello.. 
vola e va’ 
cica cica’.. 
io sto’ qua.. ah.. 

Poi chiuderei il momento trash proponendo un capolavoro assoluto di Jannacci Vengo anch’io? No tu no. Lascio in pace almeno nella prima notte dell’anno, tanto la si riprenderà in tutte le feste del 2015, Gianna e il mitico Rino Gaetano. Vengo anch’io? No tu no sarebbe da citare tutto, ma penso che basti questo estratto per ricordarne la genialità
Si potrebbe poi sperare tutti in un mondo migliore 
Vengo anch’io? No tu no 
Dove ognuno sia gia` pronto a tagliarti una mano 
un bel mondo sol con l’odio ma senza l’amore 
e vedere di nascosto l’effetto che fa
Vengo anch’io? No tu no 
Vengo anch’io? No tu no 
Vengo anch’io? No tu no 
Ma Perché? Perché no 

Infine per chiudere e per dire alla gente che è arrivata l’ora di risalire nelle proprie stanze d’albergo 5 stelle e invece per me di ritornare a Genova spero non nella tempesta di neve, un capolavoro che mi emoziona ancora e mi fa da madaleine delle medie, periodo di grande felicità, Alba chiara di Vasco Rossi
Buon Capodanno Trash a tutti!!!!

 

 


Non sono solo parole

chupitovasoIo m’innamoro delle parole e anche di chi le sa usare. Le parole possono essere il make up della lingua. Possono cambiare l’intenzione, il pensiero, il suono, l’immagine di una persona. Ormai scegliamo qualsiasi cosa: la cover del telefonino può essere coi fiori se andiamo ad un appuntamento romantico o riportare gli ingredienti del Moijto se invece stiamo andando all’aperitivo. A casa vogliamo un caffè? Possiamo scegliere tra 22 cialde che si chiamano Volluto, Arpeggio, Roma, Livanto, Capriccio, Così… Immersi in tutte queste scelte quotidiane, volte secondo alcuni a migliorarci la vita, spesso dimentichiamo di decidere quali parole…Usiamo quelle che girano, come virus e che molto spesso sono brutte. E’ vero la bellezza è negli occhi di chi guarda, dunque parlerò per me: ecco il podio delle tre parole più brutte di questo 2014.
Il terzo posto se lo aggiudica
CI STA
non proprio una parola, ma un’espressione. Anche io la usavo fino a quando Max Manfredi, in modo non molto simpatico, ma estremamente efficace mi chiese:
“Scusa potresti non usare più quell’espressione?”
Subito ci rimasi male, mi offesi e in sua presenza cominciai ad usarla ancora di più per dispetto, ma poi capì.
Questa cosa ci sta, quell’altra pure, succede qualcosa e si dice ci sta guardandosi con una certa complicità. Ma cosa ci sta? Chi ci sta? E dove? Da cosa deriva? Dai facili costumi di qualcuno? Dal fatto che si può portare in borsa perché ci sta?
Il secondo posto se lo aggiudica una parola spagnola.
CHUPITO (un colpo)
Usata nella lingua madre probabilmente non mi dispiacerebbe neanche, ma l’abuso di cui se ne sta facendo in Italia mi addolora. Soprattutto perché pronunciato dai giovanissimi che potrebbero invece usare la sua traduzione, molto più simpatica, come si fa già in molte zone delle Marche. Appena pronuncio quella parola penso alla Movida nei vicoli, a ragazzini coi brufoli che prendono in giro altri ragazzini coi brufoli solo perché hanno cellulari meno belli, alla formula un Chiupito un Euro, ai leggings indossati col sedere grosso, ai miei nonni quando andavano a bere un cordiale insieme, anzi  a quando mia nonna guardava mio nonno bere un cordiale.
Ed eccoci al podio, la parola più brutta che ho sentito quest’anno che mi ha dato subito una sensazione di nausea, di sciattezza, di perdita, di anti-poesia, quasi di svenimento. E’ una parola composta. E se già nella sua prima derivazione è brutta, in questa ultima è veramente agghiacciante. In più è assolutamente una parola da Capodanno, il che la rende ancora più orribile e legata ad un immaginario di cappellini, fischietti, gioia ad ogni costo, ubriacature violente, crostacei precongelati, voulevant, foto di pietanze su Facebook, fallimenti personali, solitudine e vuoto.
APERICENONE
Dunque cari amici e lettori facciamoci un chupito prima dell’apericenone che ci sta.